19 febbraio 2013 | Mauro Erro

Fiano di Avellino 2007, Ciro Picariello

di Mauro Erro
Ciro Picariello3
Non vorrei sbagliare, ma credo che sia l’unica delle vecchie annate ancora reperibile con una certa “facilità” sul mercato. Nel suo percorso evolutivo ha iniziato a sviluppare i canonici timbri minerali idrocarburici che arricchiscono un bouquet terroso, pennellato dalle note fruttate e floreali. Sorso gustoso, salato e appena caldo nel finale. Non ha le sfumature di altre annate ma si beve con con molto piacere.

Lascia un Commento