18 giugno 2012 | Alessandro Masnaghetti

Torta di peperoni, casa Scarpa

di A M
tortadipeperoniscarpa

In tanti anni di girovagare per cantine ho conosciuto moltissime persone. Alcune semplici, altre spocchiose, altre ancora accoglienti, preparate, stralunate, riflessive, fuori posto e via all’infinito.

Altre – pochissime – mi sono sembrate fin da subito speciali.
Speciali non per il vino (o non per forza per il vino). Speciali per ciò di cui si circondavano, dagli oggetti alle persone. Speciali per l’attenzione che dimostravano nell’accoglierti, quasi l’ospitalità fosse un obbligo antico a cui piegarsi con piacere.

Uno di questi era il Commendator Mario Pesce di Nizza Monferrato, dell’Antica Casa Vinicola Scarpa. E sua, o meglio di sua moglie, è questa ricetta che da più o meno vent’anni viaggia con me e con il mio zaino.

Una torta di peperoni che offriva così, anche in tarda mattinata, abbinandola non ricordo più se con il Ruché o con il suo personalissimo Brachetto.

Dubito con la Bogliona. Ma potrei sbagliarmi.
In quegli attimi ero come rapito.

tortadipeperoniscarpa

Lascia un Commento