19 settembre 2012 | Mauro Erro

Cerasuolo di Vittoria 2009, Cos

di Mauro Erro
cerasuolocos

Non potrei dire meglio di quanto scritto da Giampaolo Gravina sul numero di Enogea 36, nel suo approfondimento su Vittoria, a proposito di questo vino: “Non credo di sostenere una posizione stravagante se affermo che il Cerasuolo di Vittoria di Giusto Occhipinti e Titta Cilìa è un po’ la stella polare della denominazione. Con trent’anni di vendemmie alle spalle questo vino ha ormai consolidato la reputazione di un piccolo classico, capace di tenere alta la consapevolezza stilistica e viva la matrice territoriale del Cerasuolo, anche quando a parlare di Docg si era presi per matti”.
Vino di grazia e finezze che si esprime sul frutto, su rimandi floreali, su note di erbe e spezie scure. Alla bocca è soave e scorrevole e il tannino garbato e sottile vi permette un veloce passaggio in frigo per abbassarne la temperatura. Un vino gioioso.

Lascia un Commento